fatti a mano con amore

Il segreto dei MOSTRACCI sta nell’essere personaggi imperfetti che vogliono essere amati nonostante gli occhi storti, la pancia larga e le gambe troppo corte o troppo lunghe. Portano in sé, volontariamente, dei piccoli handicap, appunto delle imperfezioni, che li rendono unici, come unici sono tutti gli esseri viventi, ognuno con pregi e difetti, ma tutti con gli stessi diritti. Questo almeno a casa nostra e nel mondo che vorrei. Ecco perché ho iniziato a cucire i mostracci per i miei bambini, mettendoci amore e fantasia, per creare qualcosa di unico e un po’ fuori dagli schemi, per dare loro la possibilità di capire che le diversità fanno parte di ognuno di noi e che è giusto scegliere con la propria testa e con il proprio cuore. Adesso invento creature per tanti bambini (ma anche per adulti che non hanno voglia di invecchiare tristi!) dalle forme insolite e i colori improbabili, seguendo il mio istinto e le richieste di chi desidera amare un mostraccio.

Se vuoi conoscere le loro storie, il loro carattere, la loro personalità, fai un giro in MOSTRACCILANDIA e clicca sulle foto. E se deciderai di adottarne uno, promettimi di averne cura.

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia

Storie

18 luglio 2016

Memory di stoffa per aiutare lo sviluppo

memory di stoffa (8)

Memory di stoffa ne ho fatti molti, ma questo in particolare mi ha resa orgogliosa del mio lavoro. Mi è stato chiesto per un bambino cui viene impartito il metodo ABA , perché ha bisogno di essere stimolato attraverso il gioco in modo specifico. Spesso...

momenti...

30 giugno 2016

Pannello orologio per imparare le ore

pannello_modificato-1

A che età un bambino impara a leggere bene l’orologio con le lancette? Sicuramente non esiste un’età precisa, come per parlare o iniziare a camminare, ma esistono molti metodi per aiutarlo, giocando e divertendosi....

15 giugno 2016

E se mio figlio fosse gay?

diversità

Devo ammettere che fino ad oggi non mi sono mai fermata a farmi davvero questa domanda, semplicemente perché non ho mai vissuto la fobia del diverso e non ho sentito la necessità di darmi...