fatti a mano con amore

Il segreto dei MOSTRACCI sta nell’essere personaggi imperfetti che vogliono essere amati nonostante gli occhi storti, la pancia larga e le gambe troppo corte o troppo lunghe. Portano in sé, volontariamente, dei piccoli handicap, appunto delle imperfezioni, che li rendono unici, come unici sono tutti gli esseri viventi, ognuno con pregi e difetti, ma tutti con gli stessi diritti. Questo almeno a casa nostra e nel mondo che vorrei. Ecco perché ho iniziato a cucire i mostracci per i miei bambini, mettendoci amore e fantasia, per creare qualcosa di unico e un po’ fuori dagli schemi, per dare loro la possibilità di capire che le diversità fanno parte di ognuno di noi e che è giusto scegliere con la propria testa e con il proprio cuore. Adesso invento creature per tanti bambini (ma anche per adulti che non hanno voglia di invecchiare tristi!) dalle forme insolite e i colori improbabili, seguendo il mio istinto e le richieste di chi desidera amare un mostraccio.

Se vuoi conoscere le loro storie, il loro carattere, la loro personalità, fai un giro in MOSTRACCILANDIA e clicca sulle foto. E se deciderai di adottarne uno, promettimi di averne cura.

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia

Storie

01 settembre 2015

Esilaranti consigli per un rientro senza stress

è l’ora del rientro

Le vacanze sono finite, è un dato di fatto. Ci saranno ancora giorni di sole, forse l’ultimo bagno al mare in un fine settimana settembrino e magari delle passeggiate in montagna, ma senza dubbio gli impegni torneranno a farci correre e stressare. Ci vorrebbero...

11 agosto 2015

Chiuso per ferie

chiuso per ferie

Finalmente è giunto anche per me il momento di prendere una pausa e apporre il cartello “chiuso per ferie”. Sto preparando le valigie, dopo aver riordinato la casa e la mia craftroom, aiutata dai...

31 luglio 2015

Con l’aiuto delle Maghine birichine

maghine birichine

Siamo arrivati anche alla fine di Luglio, fra caldo torrido e zanzare mordaci, in attesa di partire per le ferie. Ma tu pensavi, vista la mia presenza meno costante in rete, che la creatività...