04 marzo 2016

I particolari di un quiet book

Negli ultimi tempi ho realizzato tanti quiet book che mi sembra di non fare altro. E non riesco a fotografarli tutti per farteli vedere, tanta è la fretta con cui mi trovo a spedire. Ogni tanto metto uno scatto su Instagram giusto per non perderne le tracce e non so quanto tempo è che vorrei fare un video (che in molte mi hanno chiesto) e ancora non ci sono riuscita. Preferisco mettere tutta l’attenzione possibile nella realizzazione, il che porta via molto tempo ma dà grandi soddisfazioni. Come la mail che ho ricevuto pochi giorni fa e che ho scelto di non pubblicare per intero per non fare nomi, ma che mi ha colpita e mi ha fatto riflettere.

I particolari di un quiet book

L’ho ricevuta da una delle tante clienti che mi hanno commissionato un quiet book e che, dopo averlo ricevuto, mi scrivono per farmi i complimenti e per dirmi quanto sono felici della loro scelta. Spesso mi allegano fotografie dei loro figli che giocano con quelle pagine e questo per me è il regalo più grande. Ma questa volta è stato sollevato anche un argomento delicato, che io solitamente evito: i paragoni con altre creative. Insomma, tutte noi ci guardiamo intorno e sbirciamo i lavori di chi fa cose simili alle nostre, ci confrontiamo, talvolta prendiamo spunto da Pinterest, ma lo fanno anche le nostre clienti, soprattutto prima di scegliere un prodotto fatto a mano. Spesso mi capita di ricevere mail che iniziano con “Ciao, stavo cercando in rete un quiet book e mi sono imbattuta nel tuo sito….”, questo significa che prima di decidere di scrivermi hanno guardato, confrontato e scelto. Bene, significa che sto facendo un buon lavoro. Ma dopo? 

Ecco la mail che ho ricevuto pochi giorni fa:

Ciao Elena, il quiet book per Gloria è arrivato oggi! Dal vivo è ancora più bello che in foto, anzi è strepitoso! Sono rimasta colpita dalla scrupolosità con cui hai curato tutti i particolari, le espressioni dei personaggi, i colori brillanti e ben accostati, e di come hai saputo cogliere le mie richieste alla perfezione. Sai, prima di scegliere te per questa cosa, avevo visto anche altri quiet book fatti da altre creative e devo dire che erano belli ma un po’ deludenti. Le immagini erano un po’ approssimative, i volti tutti simili e poco espressivi e le cuciture un po’ tirate via. E non costavano poco, anzi avevano un prezzo superiore al tuo. Io non so cucire ma sono molto attenta a queste cose quando acquisto in rete, quindi sono felice della mia scelta. Ci sentiremo presto perché ho intenzione di commissionarti altre cose. Grazie di cuore!       P:S. : Pubblica pure la mia mail come feedback sul tuo sito.

Ecco, in realtà questa cliente ha fatto proprio i nomi delle creative che aveva preso in considerazione, quindi io le ho risposto ringraziandola per le bellissime parole ma non posso pubblicare la mail per intero, non lo farei mai. Sono per natura una persona che cerca di dare il meglio senza sminuire il lavoro degli altri, anzi dico sempre che se posso aiuto volentieri. Ognuno ha il proprio stile, il proprio modo di lavorare, un criterio con il quale calcola i prezzi dei propri prodotti, ed è giusto che le clienti scelgano in base alle loro esigenze. 

Io mi rimetto in gioco ogni volta e adoro quando mi chiedono di raccontare storie nelle pagine dei quiet book, o di rappresentare famiglie e includere le abitudini dei bambini, il tutto non dimenticando che deve essere anche interattivo e stimolante. Sono sempre alla ricerca di materiali e idee per non essere mai banale. Ad esempio quando mi chiedono di realizzare la tavola da apparecchiare e il forno per cucinare: le posate sono fatte in modo che il bambino le possa prendere in mano, poi c’è il cibo e il forno ha il suo sportello “vero” che si chiude con le calamite e una bella maniglia di legno per aprire e chiudere.

I particolari di un quiet book

Oppure c’è il bambino che ha la mamma che fa le manicure… come la vuoi rappresentare se non con una bella mano con unghie intercambiabili con dello smalto colorato? Eccolo servito.

I particolari di un quiet book

E il bambino che vive in città e sogna di coltivare un orto insieme al suo amico coniglietto? Avrà un terreno da cui estrarre ortaggi e un coniglio con due grandi orecchie per giocare a nascondino.

I particolari di un quiet book

E non ci dimentichiamo del bambino che ama cambiare il pannolino al fratello. Avrà le sue salviette estraibili che userà per pulirlo dopo aver aperto il pannolino. Poi gli darà il latte e saranno felici.

I particolari di un quiet book

E ci sono tanti bambini che amano gli animali e vorrebbero raccontare storie di fattorie in un piccolo teatrino. Nel loro quiet book troveranno un treno colorato in cui viaggiano animali da inserire sulle dita per vivere insieme grandi avventure.

I particolari di un quiet book

E i più piccoli potranno imparare ad allacciarsi le scarpe e ad aprire l’ombrello in caso di pioggia, scomponendolo e ricomponendolo aiutandosi con i colori.

I particolari di un quiet book

E se ne andranno in giro a raccogliere fiori per farne grandi mazzi da regalare alla mamma…

I particolari di un quiet book

…impareranno a leggere l’orologio

I particolari di un quiet book

e a scegliere da soli i vestiti da indossare.

I particolari di un quiet book

E potranno scrivere le loro storie e disegnare favole piene di colori…

I particolari di un quiet book

Ma potranno fare mille altre cose, ogni giorno diverse, in base alla loro età e alla curiosità nelle scoperte. Ed io non mi stancherò mai di rallegrarli inventando nuove pagine e nuove attività. Continuerò ad essere attenta ai particolari, perché faccio il mio lavoro con passione, ma soprattutto perché i bambini vedono anche ciò che a noi adulti sfugge e se loro sono felici, allora lo sono anch’io. 

Se vuoi vedere altre immagini dei quiet book realizzati da me, puoi trovarli QUI, oppure puoi scrivermi per raccontarmi come lo vorresti. Io ti dirò il prezzo, deciso in base al costo del materiale e alle ore di lavoro necessarie alla realizzazione, così tu potrai decidere se è il prodotto che stavi cercando per tuo figlio. 

L’unica nota dolente è la lista di attesa non proprio breve perché strapiena di richieste, ma una cosa è certa, la puntualità per me è alla base di tutto, quindi ti darò una scadenza di consegna che rispetterò a costo di lavorare anche di notte. 

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia