02 novembre 2016

Come far evitare ai bambini il cibo spazzatura

La notte di Halloween mi ha portato consiglio sul come far evitare ai bambini il cibo spazzatura, tanto che questa mattina sono stata crudele con loro! Ovviamente sto scherzando, ma devo dire che ho scelto di avere un approccio veramente drastico e diretto per spiegare ai miei figli dei concetti fondamentali del vivere sano. Ho deciso di fare colazione con il computer sul tavolo (cosa che a loro piace!) per vedere alcuni video di ciò che vorrei non mi chiedessero mai (diciamo che uso le loro stesse armi). E ti assicuro che guardarli, mentre inzuppavamo biscotti nel latte, non è stato un bello spettacolo.

Come far evitare ai bambini il cibo spazzatura

LA MIA STRATEGIA

L’idea è nata l’altra sera, dopo essere rientrati dal classico giro “dolcetto o scherzetto” con il cestino pieno di dolciumi e schifezze varie, soprattutto maneggiando quelle orribili caramelle gommose a forma di coccodrillo, orsetto, bottiglia, occhi, bocche… veramente disgustose. Lo so, i bambini spesso le amano, ma io non sono mai riuscita a metterne in bocca una, poi ho scoperto come vengono realizzate e mi si è chiuso del tutto lo stomaco. Brava, dirai tu, proprio oggi che ne abbiamo le case piene ci vieni a dire queste cose! Hai ragione, ma ti giuro che se non sai cosa c’è dentro non puoi capire. Ecco, noi a colazione abbiamo guardato questo video.

Come far evitare ai bambini il cibo spazzatura

Così, presi dall’euforia o dal disgusto del momento, non ci siamo limitati a questo, anzi sono stati proprio i bambini a voler approfondire la questione cibo spazzatura (o junk food, cioè cibo malsano a causa del bassissimo valore nutrizionale e ricco di grassi e zuccheri), e io, naturalmente, ho preso la palla al balzo! Vogliamo parlare della nutella? E giù con un video che li ha a dir poco sorpresi. 

E, non contenta di averli rattristati, abbiamo deciso di guardare come si fanno i wurstel . Quello è stato l’apice del disgusto (ed è rimasto malissimo anche Ivo). Ora, premettendo che i miei figli non sono abituati a consumare cibo spazzatura, forse li ho terrorizzati, tanto che Enea, per tutto il giorno, ogni volta che mangiava qualcosa, chiedeva se fosse una cosa sana oppure no. Ma sai che ti dico? Sono contenta di questo risultato. Ed ho aggiunto anche che il cibo spazzatura è più dannoso per i bambini che non per gli adulti, perché i primi hanno bisogno di sostanze nutritive di ottima qualità per crescere. Ed ho omesso di dire che tutto ciò può avere gravi conseguenze come il cancro, giusto per non sconvolgerli.

NON BASTA DIRE “FA MALE”

Quindi ho avuto un approccio alquanto diretto ma credo veramente di aver fatto bene. i miei figli hanno 7 e 11 anni e sono abituati ad una dieta sana, fatta perlopiù di alimenti genuini e spesso autoprodotti. Ma sono certamente attratti anche dalle schifezze (come le chiamo io), sono invitati ai compleanni nei fast food e partecipano alle feste dove trovano in abbondanza bevande gassate e patatine fritte. Ecco perché ho voluto dar loro una spiegazione, piuttosto che limitarmi a dire “fa male”

DIAMO IL BUON ESEMPIO

Non era un piano studiato ma è venuto bene. Ci pensavo da un po’ di tempo a questa cosa e a come avrei dovuto affrontare l’argomento per far capire ai miei figli quanto sia importante evitare il più possibile il cibo spazzatura. Ovviamente sta a noi adulti dare il buon esempio e non fare acquisti insensati quando facciamo la spesa, ma soprattutto credo sia fondamentale coinvolgerli anche in cucina e, per chi come noi ha la fortuna di vivere in campagna, la cosa migliore è partire dalla coltivazione di un orto per toccare i bambini nel profondo.

E tu hai affrontato con i tuoi figli questo argomento? E come? Qui si accettano consigli e si scambiano volentieri opinioni! Grazie

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia