06 febbraio 2017

La casa dei miei sogni

Questa mattina, mentre facevo le pulizie domestiche che ogni sabato (quasi) mi toccano, mi sono fermata a pensare che, nonostante il mio odio profondo per questa fatica sprecata a pulire, sto proprio bene in casa mia. Mi sento in pace. Certo non è la casa dei miei sogni ma è accogliente, piuttosto grande (anche troppo quando devo pulirla) e situata in una zona tranquilla. 

La mia casa non è mai perfetta, non è una di quelle case in cui entri e ti senti a disagio se non metti le pattine perché tutto ciò che ti circonda splende come un diamante. Qui trovi sempre qualcosa fuori posto, un divano stropicciato perché vissuto da grandi e piccini, quadri che non hanno valore economico e non si rifanno neppure a grandi artisti, qualche pelo di gatto e libri ovunque persino in bagno… però se passi per un saluto non avrai mai la sensazione di disturbare.

Ecco, io la cambierei solo con la casa dei miei sogni, quella che nella mia mente ha già una forma. Però c’è una cosa che mi è sempre mancata e che mi piacerebbe avere: una zona ingresso. Sì lo so che non è fondamentale, perché abbiamo tanto altro spazio, però non mi è mai piaciuta l’idea di entrare in una casa e trovarsi subito in soggiorno, senza un piccolo anticamera che ti racconta chi ci abita prima di fare il passo successivo.

“Dalla conchiglia si può capire il mollusco, dalla casa l’inquilino.”  VICTOR HUGO

E come lo vorrei il mio ingresso?  Mi piace lo stile romantico e rustico allo stesso tempo, perché mi da un vero senso di accoglienza. Mi ricorda una bella vacanza in Provenza che quasi a guardarlo sento i profumi della campagna. E nella casa dei miei sogni sarebbe perfetto.

La casa dei miei sogniMa anche un bel bianco rotto da un tappeto coloratissimo mi piace! Beh io avrei il tappeto, acquistato in Messico dagli artigiani di Teotitlan… vorrà dire che lo terrò pronto!

La casa dei miei sogniMa il top sarebbe poterci inserire una bella libreria, tipo quella che adesso mi prende un’intera parete nel soggiorno, anche se i libri, essendo in costante aumento, hanno sempre bisogno di maggiore spazio e continuerei a trovarli ovunque.

La casa dei miei sogni In realtà la casa dei miei sogni avrà uno stile unico, uno stile tutto mio, anzi nostro, che nascerà dall’unione di fantasia, ricordi di viaggi ed esperienze vissute.

E dove sarà? Non lo so e non so neppure quando sarà. Ma i sogni vanno coltivati e sono certa che prima o poi si possano realizzare. Inoltre ho un asso nella manica: un figlio che da grande vuole fare l’architetto! E mi ha confessato che sta già disegnando in segreto la mia casa di legno e ha messo in giardino anche la capretta grassottella che desidero tanto.

La casa dei miei sogni

E tu hai un ingresso o lo vorresti avere? E Lo trovi utile? 

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia