04 giugno 2018

Ho capito che stavo sbagliando

Hai notato che nello shop ci sono gli sconti?  No? Allora corri a vedere, perché potresti avere l’occasione di trovare ciò che fa per te scontato del 20%, solo fino al 18 di giugno.

Perché ti starai chiedendo, non è periodo di saldi. Vero, e non ho neppure intenzione di cessare l’attività, sto semplicemente riorganizzando tutto il mio lavoro e per farlo ho bisogno di mettere un punto.

TI SPIEGO MEGLIO

Quando ho aperto lo shop, ero convinta di doverlo avere sempre bello pieno, per fare in modo che le persone che lo avrebbero visitato non fossero rimaste deluse trovandosi di fronte e pochi articoli disponibili, ma avevo perso di vista il fatto che io sono sempre una, ho due sole mani e non ho intenzione di fare un lavoro poco curato solo per riuscire a gestire tante cose. Quindi mi sono fermata a riflettere ed ho capito che stavo sbagliando strada.

Faccio un passo indietro.

Quando a Dicembre ho aperto l’ecommerce (prima avevo una vetrina qui sul sito e vendevo a chi mi contattava via mail o messaggio) l’ho fatto semplicemente per avere un contenitore con tutte le mie creazioni in cui poter far entrare le persone che mi scrivevano per sapere cosa avessi disponibile alla vendita, dal quale eventualmente poter acquistare in modo diretto. Questo perché? Perché non faccio fiere (a parte Il Mondo Creativo) e passando molte ore a cucire ho anche poco tempo per far vedere le novità. In più, dovendo rispondere a tante mail e messaggi, diventava veramente difficile gestire tutta la situazione.

Quindi nella mia testa io vedevo il futuro risolto, nel senso che tutto questo scambio di messaggi si sarebbe tradotto in acquisti dallo shop. Ma non è stato così… e ne sono felice.

“Questa è pazza” stari pensando! No (cioè non più del solito), ma devo spiegarti il motivo della mia decisione.

In realtà non ho venduto poco, o meno di prima, anzi il lavoro è tantissimo e le richieste sempre più frequenti, ma non è cambiato molto rispetto a quando non avevo l’ecommerce. Ho capito che il rapporto instaurato con le persone che apprezzano il mio lavoro ha un valore enorme e non può essere sostituito da  un negozio on line. Chi mi scrive ha bisogno di farmi domande, chiedermi consigli, parlarmi di sé e della famiglia, ma soprattutto vuole qualcosa di speciale che può essere fatto solo se personalizzato, non semplicemente con un nome ma nei dettagli. Dopo poco tempo che lo shop era on line ho avuto questa sensazione, ma la conferma è arrivata quando in molte mi avete scritto dicendomi “ho visto quella bambola… quello zainetto… quel quiet book… devo acquistarlo per forza da lì o posso dirlo a te e farti il pagamento come sempre?” Insomma era chiaro che prima di tutto deve continuare il rapporto di amicizia, di stima reciproca, di conversazione.

Così il lavoro, invece di semplificarsi, per me è raddoppiato, perché dovevo continuare a gestire tutte le conversazioni come prima e occuparmi anche di aggiornare lo shop! Una tragedia!

Ecco perché, dopo lunghe riflessioni, ho deciso che lo shop resta assolutamente, ma ho messo lo sconto del 20% fino al 18 di giugno perché ci sono articoli che non farò più, o meglio li farò su richiesta. Piano piano aggiusterò il tiro e voglio farlo non sulle mie esigenze ma sulle vostre, questa è la vera differenza.

Poi sto anche pensando di partecipare a qualche fiera, anzi a tale proposito se conoscete eventi davvero carini non troppo lontani dalla Toscana, segnalateli che magari in futuro potrei smettere di dire no alle millemila richieste di partecipazione che ricevo!

In sostanza, la lista delle prenotazioni è sempre fitta, ci sono mamme fedelissime che si sono già accaparrate dei posti per il prossimo Natale, compleanni futuri e altre ricorrenze, sono io che devo imparare a gestire la mia voglia di far tutto, la frenesia di creare sempre cose nuove per mettermi alla prova senza pensare che non mi spunteranno altre braccia per magia.

Quindi, articoli come le valigette dei colori o le cover per i quaderni e libretti pediatrici, vanno ad esaurimento (ecco perché se ti piacciono ti consiglio di approfittarne adesso) e probabilmente anche altri articoli che realizzerò solo su richiesta, in modo che ogni creazione sia unica e fatta su misura per te.

Ho capito che stavo sbagliando

Adesso non mi resta che dirti (ma lo avrai già capito) che puoi continuare a scrivermi come sempre (da qui, da facebook, da Instagram…)  per qualsiasi domanda, che sia per un articolo dello shop, per curiosità, per una creazione personalizzata o anche solo per un saluto, io sarò felicissima di risponderti.

Ma vorrei proprio sapere cosa ne pensi di questa mia considerazione, che tu sia una collega o una cliente mi interessa davvero il tuo punto di vista. 

Grazie!

scopri come nasce un mostraccio

C'era una volta
Leggi la storia